I componenti della giuria del concorso M133

 

La giuria del concorso letterario è composta da 7 elementi. Sono stati invitati a partecipare le persone che fanno parte dei “Volontari della Biblioteca comunale di Volvera” e i lettori iscritti alla biblioteca o al sistema "SBAM" di cui questa fa parte.

 

Di seguito l'elenco dei nominativi ed una breve presentazione per ognuno di essi:

La Giuria del Concorso

Anna Maria Ballari   -   Presidente

 

Ho 63 anni e sono una infermiera coordinatrice in pensione.

Appassionata di lettura apprezzo la narrativa italiana con particolare attenzione al genere giallo. Amo anche la letteratura internazionale con predilezione per le biografie, le autobiografie e i romanzi storici. Leggo volentieri anche scritti che riguardino la spiritualità.

Maria Teresa Cane

 

Nata nelle Langhe, trapiantata prima a Torino e da molti anni ormai a Volvera, dove ho insegnato nella Scuola Elementare (così si chiamava allora) fino alla pensione. Dopo essermi occupata per lungo tempo di bambini, mi sono interessata agli adulti e/o diversamente giovani, organizzando la sede dell’UNITRE di Volvera, di cui sono tutt'ora presidente onoraria. Ho frequentato corsi di lettura, e organizzato per l’UNITRE incontri intitolati “Tempo di lettura” per poter leggere e commentare insieme storie e scrittori. In questi ultimi anni ho anche organizzato con piacere parecchi incontri con scrittori, per conoscere autori che, un po’ famosi o sconosciuti che siano, hanno sempre qualcosa di interessante da dire.

Laura Giors

 

Sono nata a Torino, dove mi sono laureata in Lettere Classiche nel '77. Ho insegnato Letteratura Italiana e Latina nel Liceo scientifico, gli ultimi quindici anni della mia carriera presso il liceo scientifico Amaldi di Orbassano. Da alcuni anni in pensione, ho realizzato corsi di letteratura presso le Unitre di Rivoli, Rivarolo, Villarbasse e Piossasco. Tra i vari temi trattati, ho introdotto il romanzo ebraico del '900 e i suoi straordinari autori, Israel Singer, Isaac Singer, Amos Oz, Joseph Roth, e mi auguro di proseguire nell' analisi di opere di altri autori ebraici, geniali interpreti dell'immaginario contemporaneo. Sono sposata con Mario, già docente di economia presso l'ateneo torinese, ho due figlie e una nipotina.

Alessandra Odetti

 

Mi chiamo Alessandra Odetti; sono nata nel 1972 in provincia di Cuneo, dove ancora vivo con figlie e marito.

La lettura è la mia sola dipendenza: soprattutto romanzi. Scrivo invece poesie, parecchie delle quali sono state pubblicate in raccolte.

Ho frequentato corsi di scrittura - creativa, la chiamano. Come docente (da oltre vent'anni nella scuola secondaria) amo lavorare soprattutto sulla scrittura quale strumento di costruzione e crescita dell'identità personale.

Pur essendomi laureata in filosofia, fin da bambina sognavo di fare la prof. di italiano per potermi portare a casa il "malloppo dei temi"... Ora, con tutti questi racconti da leggere, potrò dirmi completamente realizzata!

Silvia Porporato

 

Nata nel 1981, architetto, amante dei libri, in particolare di narrativa gialla ma apprezzo moltissimo anche la letteratura per l'infanzia e per i ragazzi che leggo spesso e con molto interesse.
Nel tempo libero faccio volontariato presso la Biblioteca Comunale di Volvera dove seguo principalmente i progetti rivolti ai più piccoli e ai ragazzi. Legati a questa attività trovo molto stimolanti gli incontri di lettura a voce alta per i bambini, perché mi piace vedere come i piccoli lettori si lascino trasportare dalla magia dei libri e ti rendano partecipe delle loro emozioni.

Davide Fumagalli

 

Laureato in Lettere moderne presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre appassionato del mondo editoriale, in particolar modo novecentesco, ho dedicato a questo argomento la mia tesi di laurea. Negli anni mi sono interessato anche all'aspetto materiale e collezionistico del libro, tanto che per qualche anno sono stato titolare di un'attività di compravendita di libri usati. Attualmente sono docente di italiano e storia nelle scuole secondarie superiori.

Andrea Monda

 

Classe '93, nasco a Rivoli durante il giorno dei postumi da San Silvestro, il primo rivolese di quell'annata.

Fin da pargolo con la testa fra le nuvole, "vado in macchina...” rispondevo così quando mi chiedevano come andassi a scuola.

Sono sempre stato uno dallo stupore facile, cresciuto per lo più da film e libri. A undici anni iniziai a prendere lezioni di chitarra e quello fu il primo momento in cui mi resi conto che potevo tirare fuori tutti i pesciolini che nuotano dentro la mia scatola cranica.

Il mio percorso scolastico termina con un diploma per il cinema, che poi è anche dove inizia la mia breve carriera da tecnico della cinepresa.

A ventitré anni decisi che avrei dato tutto me stesso alla musica, così, oltre ai dodici anni chino sulla chitarra, intrapresi un percorso accademico di canto e pianoforte che durò tre anni. Da due anni a questa parte sono riuscito a creare una band solidissima che dà pieno appoggio a tutto l'inchiostro che verso sui fogli, con cui abbiamo già suonato nei migliori locali di Torino e vinto diversi concorsi, anche a livello europeo. Tutto ciò che faccio nella vita è scrivere; scrivo poesie che legge solo la mia dolce metà e canzoni che mi piacerebbe ascoltasse tutto il mondo, anche se per ora mi dovrò accontentare della nostra stretta cerchia di followers su Spotifyi.